Un’equipe di psichiatri del Massachusetts General Hospital ha realizzato uno studio che dimostra come la meditazione può influire sul cervello. Secondo le sue conclusioni, pubblicate su Psychiatry Research, la pratica di un programma di meditazione durante 8 settimane può causare considerevoli cambiamenti nelle regioni cerebrali collegate alla memoria, all’autocoscienza, all’empatia e allo stress. Questa pratica, considerata spirituale, in realtà ci modifica fisicamente e può migliorare lo stato di salute. Per questa ricerca si sono prese in esame immagini ottenute per mezzo della risonanza magnetica delle strutture cerebrali di 16 volontari 2 settimane prima e dopo aver seguito per 8 settimane un programma di meditazione dell’Università del Massachusetts, volto alla riduzione dello stress. Oltre alle riunioni settimanali, che comprendevano la pratica della meditazione cosciente, che si incentra sulla coscienza senza pregiudizi di sensazioni e sentimenti, i partecipanti ricevettero un supporto audio per proseguire la propria pratica a casa. Ogni giorno passavano 27 minuti praticando questi esercizi. Le loro risposte a un questionario medico segnalavano un miglioramento significativo rispetto a quelle date prima dell’inizio dell’esperimento. L’analisi delle immagini ha mostrato un incremento della densità della materia grigia nell’ippocampo, un’area cerebrale importante per la memoria e l’apprendimento, e in altre strutture associate all’autocoscienza, alla compassione e all’introspezione. Inoltre si è riscontrata una diminuzione della materia grigia nell’amigdala, un nucleo situato in profondità nei lobi temporali, il che è stato messo in relazione con la diminuzione dello stress. “Sebbene la pratica della meditazione si associ a una sensazione di tranquillità e rilassamento fisico, apporta anche benefici cognitivi e psicologici che persistono per tutto il giorno. – spiega Sara Lazar – Questa ricerca dimostra che i cambiamenti della struttura cerebrale possono essere alla base di questi benefici e che le persone non si sentono meglio solo perché si sono rilassate.” La ricercatrice aveva in precedenza riscontrato differenze strutturali tra il cervello di persone che da tempo praticano la meditazione e quello dei non-praticanti, come un maggiore spessore della corteccia cerebrale nelle aree associate con l’attenzione e l’integrazione emozionale.

“E’ affascinante osservare la plasticità del cervello e come, mediante la pratica della meditazione, possiamo giocare un ruolo attivo nel cambiamento del cervello e migliorare il nostro benessere e la qualità della nostra vita.”, dice Britta Holzel, una delle autrici dello studio. Questa scoperta apre la porta a nuove terapie per pazienti che soffrono di gravi problemi di stress, come quello post-traumatico.

Fonte: http://ciseiweb.wordpress.com/2014/07/17/ocho-semanas-de-meditacion-bastan-para-cambiar-el-cerebro/

http://www.umassmed.edu/uploadedFiles/cfm2/Psychiatry_Resarch_Mindfulness.pdf

Dr. Bruno Maria Camerani
Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*