Se detestate l’aria condizionata e non sopportate gli sbalzi di temperatura, dovrete prendere in considerazione alcuni consigli che vi permetteranno di combattere con metodi naturali il disago della calura estiva, quella che rende le giornate e le notti quasi invivibili.

Contro il caldo, rimedi naturali

Le soluzioni per combattere il caldo e l’afa esistono e non si chiamano solo “aria condizionata”.

Bere molta acqua.

Cominciamo col dire che in estate l’alta percentuale di umidita’ nell’aria non permette al sudore di evaporare e quindi il corpo non può proteggersi adeguatamente dal caldo ma, bevendo molta acqua anche quando non si ha sete, il corpo può mantenere costante il livello diidratazione.

Evitate di bere bevande ghiacciate.

Non c’è nulla di piu’ appagante di un’abbondante bevuta diacqua ghiacciata, si sa. Ma, anche se al momento questo gesto spontaneo ci procura sollievo, non dobbiamo mai dimenticare che esso provoca inevitabilmente la costrizione dei vasi sanguigni il che, come minimo, diminuisce la capacità del corpo di disperdere il calore e ci espone ai rischi di una congestione. Quando le temperature sono davvero eccessive, non dimentichiamoci che, aprire in continuazione il frigo, vuol dire modificare la temperatura interna costringendo il motore a recuperare i gradi persi. Questa operazione peserà moltissimo sulla bolletta ed il motore, riattivandosi per ghiacciare l’interno, “sparerà” calore all’esterno aumentando il calore percepito.

Limitare l’attivita’ sportiva.

Tutte le attivita’ che impegnano molto fisicamente diventano insostenibili con il caldo eccessivo. Spostate gli esercizi quotidiani al mattino presto o dopo il calar del sole e bevete sempre molta acqua.

 

Mangiare alimenti freschi e con pochi grassi.

Ci sono una serie di alimenti che aumentano la temperatura corporea… qualcuno scontato… altri insospettabili

Gli alimenti che aumentano la temperatura corporea

Ecco la lista degli alimenti che contribuiscono ad aumentare la temperatura del corpo:

Spinaci, radicchio, cipolle, aglio, barbabietola rossa… ma anche ananas, pompelmo e manghi maturi, per non parlare dei cibi fritti. Anche la frutta secca è sconsigliata pur essendo ricca di antiossidanti: meglio consumare frutta fresca e verdura in grandi quantità, sotto forma di insalate, frullati e succhi, rigorosamente fatti in casa e senza aggiunta di zucchero!…. Siete fuori tutto il giorno?…Preparateli prima in casa e portateli dentro un thermos. I succhi preconfezionati, anche quelli senza zuccheri aggiunti, contengono comunque una serie di conservanti, coloranti o esaltatori di sapidita’ che non fanno certo benissimo.

Un consiglio green? Preparate in casa le barrette energetiche da tenere sempre sotto mano

Le migliori regole per combattere afa e caldo

Per compensare la perdita di sodio dovuta all’aumentata sudorazione senza affaticare l’apparato digerente, mangiate poco e più spesso. No ai fritti. La pasta solo una volta al giorno, del pane evitate la mollica, troppo ricca di grassi.

Bevete spesso acqua, si al te’, no alle bevande gassate (specie se con caffeina) e quantità esagerate di caffé, perché causano perdita di liquidi anziché rimpiazzarli.Non bere alcolici che sono vasodilatatori ed aumentano la frequenza cardiaca. Sono consentiti invece frullati, sorbetti e gelati alla frutta, non quelli alla crema più pesanti da digerire e che, dopo un momentaneo inganno, provocano più sete ( a meno che non siano veganiNon assumere integratori salini senza consultare il medicoL’afa si può combattere anche scegliendo gli abiti giusti, quelli di fibre naturali come lino e cotone, perché il sintetico scalda e impedisce al corpo di liberarsi dal calore.

Uscendo, indossate sempre cappello e occhiali da soleIn caso di cefalea provocata da un colpo di sole o di calore, bagnarsi subito con acqua fresca, per abbassare le temperatura corporea.Nei giorni piu’ torridi, meglio uscire di casa solo al mattino presto e dopo il tramonto (mai tra le 12 e le 17), arieggiare la casa nelle prime ore del giorno e poi chiudere i vetri e le imposte per riaprirli alla sera. Non bisogna abusare dei condizionatori ed evirare di creare sbalzi di temperatura troppo elevati (al massimo 5-6 gradi). Evitare il ventilatore, che aumenta la disidratazione e il bisogno di consumare di acqua, sì, invece, al deumidificatore.

Se si osservano questi consigli, il nostro corpo non dovrebbe essere troppo provato da caldo e umidita’, ma sono possibili sensazioni di svenimento, mancamento e cali di pressione: in tal caso, la miglior cosa da fare e’ distendersi subito possibilmente in un ambiente fresco, rimanendo un po’ a riposo.

Chi soffre di pressione alta non deve mai interrompere o sostituire di propria iniziativa i farmaci antipertensivi, anche in caso di effetti collaterali, ma consultare sempre il proprio medico.Infine le persone più anziane, dovrebbero sempre concedersi qualche giornata nelle zone collinari o quelle termali.

Dr. Bruno Maria Camerani

Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*