Anche in questo caso è la Natura a venirci in soccorso. Non prendere farmaci, ma usa semi di lino

Chi soffre di sciatalgia e più in generale di mal di schiena, sa bene come sia difficile trovare sollievo. Tra l’altro la schiena è una parte del nostro corpo che è coinvolta nella maggior parte dei movimenti e quando ci fa male, anche solo girare la testa ci fa sentire fitte di dolore. Il freddo e l’umidità poi non ci aiutano e fanno si che questo tipo di fastidi si accentuino.

Per ovviare ai dolori possiamo prendere i farmaci che ci sono in commercio con tutte le controindicazioni che ne conseguono, oppure affidarci alla Natura. Ed è proprio lei che ci viene in soccorso anche per il mal di schiena e la sciatalgia. Per alleviare in maniera naturale ed efficace questo problema, puoi usare i semi di lino, ottimi alleati per una terapia termica efficace, che risolve i dolori in poco tempo.

I semi di lino: hanno notevoli proprietà riscaldanti, antinfiammatorie ed emollienti, e la capacità di mantenere a lungo la temperatura senza assorbire l’umidità e per questosono davvero un toccasana contro i dolori vivi. Si possono scaldare e applicare sulla zona dolente, sotto forma di impacchi e cataplasmi, oppure mettere all’interno di cuscini da premere sulla zona lombare.
I semi di lino possono essere aggiunti a minestre, contorni e yogurt perché forniscono all’organismo grassi buoni e minerali preziosi per la salute di nervi e muscoli. Anche l’olio che si ricava dai semi è utile per affrontare questo disturbo. Si tratta di una sostanza preziosa e ricca di principi attivi benefici capaci di calmare le infiammazioni. In particolare, l’olio di semi di lino è utile per fare massaggi che sciolgono la tensione e danno sollievo al senso di compressione tipico delle sciatalgie. Puoi abbinare impacchi e massaggi: ti aiutano ad alleviare anche i formicolii e la debolezza muscolare che spesso si accompagnano all’infiammazione del nervo sciatico.
Come preparare il cuscino antidolorifico
I sacchetti di stoffa pieni di semi di lino si possono anche realizzare in casa con molta facilità: basta riempire di semi una piccola federa di cotone o di lino e cucire i bordi. Si raffreddano in frigorifero (per 3 ore, avvolti in una busta di cellophane), oppure si scaldano al microonde (per 3 minuti a 600 W) o sul termosifone. Poi si applicano sull’area dolente, tenendoli in posa finché non raggiungono la temperatura corporea.
Usa così olio e semi di lino
Prova a fare dei cataplasmi caldi a base di semi di lino, le cosiddette “polentine”, rimedio tradizionale contro i dolori invernali. Metti 3 cucchiai di semi di lino e 6 cucchiai d’acqua in un pentolino e porta a bollore, finché non si forma una massa collosa. Versala su un pezzo di tela e chiudilo a pacchetto. Quando si sarà raffreddato leggermente,posizionalo sulla parte dolente, fissandolo con una benda. Lascialo in posa finché non si intiepidisce. Ripeti il trattamento 3 volte al dì. L’olio di semi di lino è invece un’ottima base per realizzare un unguento da massaggi con effetto antidolorifico, lenitivo e riscaldante. Mescola a 2 cucchiai di olio di semi di lino un cucchiaino di oleolito di iperico.

Dr. Bruno Maria Camerani
Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.