Aveva ragione Parmenide, 2500 anni fa.

La febbre non arriva a caso e non arriva come nemico, ma come regolatrice interna, come panacea di emergenza, come distruttrice di cellule cancerogene.

Il calore, esteso a tutto il corpo, attiva i processi vitali ed aiuta la purificazione del sangue e dei tessuti, espellendo attraverso i pori il materiale organico morto accumulato (i propri detriti cellulari o virus endogeni non ancora smaltiti) e i residui derivanti da inconveniente nutrizione.

Eventuali presenze intensive batterico-virali, vengono interpretate dalla medicina pasteuriana (quella di oggi) come motivi causanti della patologia (da qui uso di prevenzioni vaccinatorie o di cure a base di antibiotici e di febbrifughi).

Per l’igiene naturale, al contrario, i batteri fanno il loro utilissimo lavoro di pulizia e di consumo del materiale tossico e di quello virale (che arriva dai miliardi di cellule morenti in continuazione per normale ricambio cellulare).

L’importanza di poter produrre infiammazioni

Nel 1932, il professor G. Van Bergmann, fece un’importante dichiarazione, ripresa da Max Gerson nel suo testo Terapie contro il Cancro: Il metabolismo del cancro si instaura nel corpo umano allorquando il corpo stesso non è in grado di produrre un metabolismo di tipo infiammatorio.

La febbre è gestita intelligentemente dal sistema immunitario che sta funzionando al meglio, altrimenti essa non ci sarebbe. La febbre alta è una caratteristica normalissima dei bambini. Negli adulti, e ancor meno negli anziani, sarà molto difficile che la febbre tocchi i punti alti del termometro.

Se la febbre è alta, è giusto che lo sia, e non deve essere abbassata con nessun metodo e per nessun motivo.

La febbre indica il più delle volte decomposizione di cibo sbagliato in zona intestinale, con conseguente diarrea o con ostinata stitichezza. Sia per piccini che per grandi la nutrizione va sospesa del tutto fino a quando l’avvelenamento in corso non si smaltisce.

Febbre, vomito e diarrea sono metodi naturale di eliminazione dei veleni interni. Non esiste pericolo in essi. Mai sopprimere la febbre. Per i bambini piccoli, i genitori saggi devono sospendere l’alimentazione senza alcun timore, dato che il cibo, in quelle condizioni, non fa altro che prolungare il problema.

Dr. Bruno Maria Camerani
Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*