Lo zenzero è una radice che ormai si trova in tutti i supermercati sia fresca che in polvere, ed apporta tantissimi benefici alla salute: aiuta a migliorare la digestione, previene il raffreddore, combatte il diabete, allevia la nausea ed è un ottimo rimedio per il mal di gola. Per di più alcune sostanze contenute in questa pianta come il gingerolo sono antiossidanti, antinfiammatorie e anticancro.
LA RICETTA ANTICANCRO

Scrive Odile Fernandez Martìnez nel suo libro La Mia Ricetta Anti Cancro:”Uno studio realizzato dall’Università del Michigan ha dimostrato che la polvere di zenzero, la stessa che si vende al supermercato, riesce a sopprimere le cellule aggressive del cancro all’ovaio. Inoltre lo studio ha dimostrato che lo zenzero è in grado di evitare che le cellule diventino resistenti alla chemioterapia, come avviene a molte donne con cancro all’ovaio che presentano resistenza all’apoptosi delle cellule”

E ancora: “In studi condotti sulle cavie è stato dimostrato che mangiare tutti i giorni zenzero inibisce la crescita e la progressione del cancro alla prostata nel 56% dei casi. L’aspetto più importante è che lo zenzero non presenta alcun elemento di tossicità nei tessuti normali che si dividono rapidamente, come l’intestino e il midollo osseo, contrariamente agli effetti della chemio. Inoltre, l’infuso di zenzero è utile per la prevenzione di vomito e nausee da chemioterapia“.
La Martinez propone anche un infuso di zenzero: Fai bollire 1 litro di acqua e aggiungi 1 fettina di zenzero di 5 centimetri, 1 stecca di cannella e la buccia di mela (meglio se rossa). Lascia bollire a fuoco basso il tutto per 5 minuti e lascia altri 5 minuti in infusione. Bevilo durante la giornata, se bevuto caldo rilassa lo stomaco.

LO STUDIO SUL CANCRO ALLE OVAIE

Il Comprehensive Cancer Center dell’Università del Michigan, nel 2006, comunica che da studi di laboratorio lo zenzero risulta uccidere le cellule cancerogene dell’ovaio. Addirittura potrebbe evitare il problema frequente in questa patologia, in cui le cellule diventano resistenti ai trattamenti terapeutici standard. Nello studio in questione la polvere di zenzero è stata sciolta in una soluzione e applicata a colture di cellule ovariche cancerogene. Risultato: tutte le cellule ovariche cancerogene sotto test sono morte.
I ricercatori hanno scoperto che lo zenzero causa due tipi di morte cellulare. Una morte è quella delle cellule cancerogene che si “suicidano” e l’altra è quella delle cellulle che “digeriscono” o attaccano se stesse.

LO STUDIO SUL CANCRO ALLA PROSTATA

Il British Journal of Nutrition ha pubblicato i risultati di uno studio americano sullo zenzero (Zingiber officinale). La sostanza è stata in grado di uccidere cellule umane di cancro alla prostata, mentre le cellule sane della prostata non sono state attaccate. I risultati sono stati verificati con una dose giornaliera di 100 mg di estratto di zenzero per kg di peso corporeo. In otto settimane, l’estratto di zenzero ha ridotto la crescita del tumore della prostata della metà. I ricercatori hanno stimato che 100 grammi di zenzero fresco, mangiato tutti i giorni può offrire gli stessi risultati.

Altri studi suggeriscono che l’olio di pesce, magnesio, curcumina, broccoli e licopene (trovato in prodotti di pomodoro) proteggono gli uomini contro il cancro.

I MILLE BENEFICI DELLO ZENZERO

Non solo la radice di zenzero può curare il cancro, ma è un rimedio naturale per mal d’auto, nausea, indigestione, flatulenza, coliche, sindrome del colon irritabile, perdita di appetito, brividi, cattiva circolazione, crampi mestruali, dispepsia, bruciore di stomaco, indigestione e molti altri problemi gastrointestinali. Lo zenzero è anche un potente antinfiammatorio per problemi alle articolazioni ed è indicato per l’artrite, febbre, mal di testa, mal di denti, tosse, bronchite, artrosi, artrite reumatoide, tendiniti, colesterolo alto e la pressione sanguigna e può anche prevenire la formazione di coaguli di sangue interni. Lo zenzero è anche anti-virale e ottimo rimedio contro l’influenza.

Insomma ci sono tutti i buoni motivi per inserire lo zenzero nella nostra dieta. Io consiglio quello fresco, dato che non sappiamo quale processo industriale viene fatto per produrre la polvere nei supermercati. Lo zenzero fresco può essere messo nei frullati, nei centrifugati, nei soffritti al posto dell’aglio, a tocchetti nelle zuppe, tagliato sottile per condire insalate e carni e pesce.

Dr. Bruno Maria Camerani
Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.