Esistono diversi modi per curare la salute del nostro corpo; la riflessologia e la digitopressione, ad esempio, usano principi naturali per garantire il benessere del nostro corpo. Come funziona, beh, uno di questi metodi ovvero la riflessologia, utilizza il padiglione auricolare per delle vere e proprie terapie. Si utilizza l’orecchio, poiché è una parte del corpo molto sensibile , in cui arrivano i riflessi di molti organi, che sono ricchi di terminazioni nervose e molto vascolarizzate, infatti se stimolati con le dita o con la pressione della molletta da bucato , inviano impulsi nervosi al cervello. Questa stimolazione, provoca dei fenomeni specifici fisiologici, che portano un equilibrio del punto stimolato.

L’orecchio infatti ha diversi punti di pressione, ognuno dei quali corrisponde a una parte diversa del corpo.

1

La parte più alta dell’orecchio è collegato alle spalle e alla schiena. Applicando una molletta o esercitando una pressione, per circa un minuto, è possibile alleviare il dolore e la tensione della schiena.2

Nella parte leggermente più giù di quella precedentemente descritta, se esercitiamo una leggera pressione, può alleviare i dolori interni al nostro corpo. Ovviamente si parla di dolori meno seri.3

La parte centrale dell’orecchio invece è collegato alle articolazioni. In questo caso se il dolore è occasionale questo metodo può funzionare, se i dolori sono più seri è meglio rivolgersi al medico.4

Nella parte medio bassa dell’orecchio la pressione può servire ad attenuare dolori al seno o semplici mal di gola.5

Poco sopra all’orecchio invece, si trova la parte che si associa alla digestione, che se stimolata può migliorare i dolori allo stomaco e quindi anche la digestione.
6
Il lobo invece è collegato al cuore e alla testa, la pressione in questo caso aiuta il funzionamento del cuore, e migliora i dolori alla testa tipo la cefalea. 7
Sono dei rimedi naturali che possono aiutare a migliorare anche se per poco, la nostra vita

Dr. Bruno Maria Camerani

Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*