La medicina moderna tende ad avere un approccio piuttosto meccanico nella visione del corpo e delle funzioni fisiologiche degli organi che lo compongono. Ma nell’antica medicina greca e nella medicina tradizionale cinese, così come in altri sistemi medici tradizionali, gli organi interni sono considerati la sede delle emozioni e risultano influenzati da esse.

Le emozioni rappresentano la risposta del nostro corpo ai sentimenti. La medicina greca considerava le emozioni come in grado di giocare un ruolo importante nel benessere degli organi o nel sopraggiungere di alcuni disturbi ad essi legati. La medicina tradizionale cinese associa 7 emozioni ai rispettivi organi.
Ecco le corrispondenze tra organi e emozioni secondo l’antica medicina greca, da cui poi si sviluppò la medicina occidentale, e secondo la medicina tradizionale cinese.
Antica Medicina Greca

Gli organi principali e le emozioni associate ad essi secondo l’antica medicina greca.
Cuore

Il cuore è molto sensibili agli stati emotivi. Le emozioni nobili, come coraggio, valore, onestà, altruismo e empatia rafforzano il cuore e lo spirito vitale, mentre le emozioni meno nobili, come il senso di colpa, il rimorso e la tendenza ad arrendersi li indeboliscono. L’amore e la voglia di vivere sono molto importanti per il cuore. Secondo l’antica medicina greca, si può davvero morire di crepacuore. Il cuore è considerato vulnerabile rispetto alle passioni turbolente che possono agitarlo e creare febbri anche acute.
Polmoni

I polmoni sono un organo molto importante che lavora a stretto contatto con il cuore e che risulta sensibile e vulnerabile rispetto ad emozioni analoghe. La sensazione di vedere negato il proprio spazio fisico e vitale può causare problemi respiratori e di asma. Al contrario, sentimenti di dignità e orgoglio contribuiscono all’apertura del petto e consentono ai polmoni di espandersi e di funzionare al meglio. Le emozioni che riducono la voglia di vivere sono pericolose per i polmoni, specialmente il dolore e il lutto.
Gola

La gola è considerata il centro della comunicazione del nostro corpo. L’incapacità di esporsi e di esprimersi attraverso la parola e di dire la verità può causare problemi alla gola. La gola comprende anche una porzione dell’apparato digerente. Emozioni forti, come ansia e tensione, possono causare problemi, come la classica sensazione del “nodo in gola” e difficoltà a deglutire. Le parole trattenute possono causare lo stesso effetto.
Fegato e cistifellea

La bile viene prodotta dal fegato e si raccoglie nella cistifellea. Questi due organi sono vulnerabili rispetto alle emozioni colleriche come rabbia, irritabilità, frustrazione, risentimento, gelosia e invidia. Le emozioni colleriche hanno sede in questi organi, secondo l’antica medicina greca, e possono danneggiarli. Ira e rabbia possono esplodere di colpo passando dal fegato alla testa e causare così emicranie, tensioni al collo e alle spalle e stress. Possono comparire disturbi digestivi causati dal cattivo funzionamento di fegato e cistifellea.
Stomaco

Lo stomaco, proprio come il fegato, può raccogliere emozioni colleriche quali rabbia, ira, odio e frustrazione. Quando tali emozioni si accumulano nello stomaco possono portare a ulcere e gastrite. Passività, preoccupazione, ansia, tensioni e stress bloccano il fluire delle energie e possono causare problemi di stomaco, coliche e gonfiore, fino a nausea e disordini dell’appetito.
Intestino

L’intestino viene correlato a disturbi psicosomatici e a disordini digestivi causati dalle emozioni che possono avere inizio a livello del fegato e dello stomaco. Nel tratto medio e basso dell’intestino si annidano le emozioni malinconiche. Il colon è molto vulnerabile rispetto a tali emozioni. Può subire gli effetti negativi di preoccupazione, ansia, stress, tensione e nervosismo.
Reni

Terrore, paura e shock sono le emozioni più pericolose per i reni. Il flusso energetico di queste emozioni si dirige verso il basso e possono minare la nostra forza e sicurezza, ma anche incoraggiarle. Forza e sicurezza sono connesse al funzionamento equilibrato dei reni nelle loro funzioni di ritenzione e evacuazione. Paura e spavento estremi possono portare alla perdita del controllo delle funzioni renali.
corrispondenze organi emozioni

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

Alcune delle associazioni principali tra emozioni e organi secondo la medicina tradizionale cinese.
Gioia – Cuore

Nella medicina tradizionale cinese la gioia è un’emozione di profondo appagamento ed è collegata al cuore. Quando una persona si sente sovraeccitata per la gioia può sperimentare agitazione, insonnia, febbre e palpitazioni cardiache. Al cuore si collega anche l’amore.
Rabbia – Fegato e Cistifellea

La rabbia è un’emozione che viene associata con il risentimento, la frustrazione, l’irritabilità e l’ira. La medicina cinese afferma che questa emozione di tipo collerico è immagazzinata nel fegato e nella cistifellea. La rabbia può causare pressione alta e vertigini.
Ansia – Polmoni e Intestino Crasso

L’ansia è un’emozione legata all’eccessiva preoccupazione che può influire soprattutto sui polmoni e sull’intestino crasso, secondo la medicina tradizionale cinese. L’ansia può impedire ad una persona di usare bene la propria energia e portarla a soffrire di respiro corto, colite, ulcere e infiammazioni dell’intestino crasso. La preoccupazione viene associata allo stomaco. L’ansia viene collegata anche alla milza.
Tristezza – Polmoni

Il dolore emotivo può indurre disarmonia nei polmoni, problemi nella circolazione dell’energia in tutto il corpo. Il dolore può rendere fiacca la voglia di vivere, danneggiare i polmoni e causare malattie respiratorie, secondo la medicina tradizionale cinese. Ai polmoni vengono associate emozioni di dolore emotivo e di tristezza.
Malinconia – Milza

Malinconia e eccessive preoccupazioni, fino all’ansia, colpiscono la milza, secondo la medicina tradizionale cinese, e possono causare affaticamento, letargia, incapacità di concentrazione. La malinconia può anche ostacolare il sistema digestivo e influenzare lo stomaco con accumulo di gas e gonfiore.
Paura – Reni

La paura può causare disarmonia a livello dei reni, secondo la medicina tradizionale cinese. La paura estrema può portare una persona a perdere improvvisamente il controllo della vescica e delle funzioni renali.
Spavento – Cuore

Lo spavento è un’emozione di shock e di panico causata da un avvenimento improvviso e inaspettato. Secondo la medicina tradizionale cinese lo spavento colpisce prima di tutto il cuore, nel breve periodo, (pensiamo ad esempio alle palpitazioni) e quando diventa cronico può colpire anche i reni, già associati di per sé alla paura

Dr. Bruno Maria Camerani

Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*