L’artrite è una forma molto comune di dolore cronico o infiammazione cronica, che può influenzare la qualità di vita di una persona e persistere per anni.

Il dolore cronico è spesso molto difficile da trattare e i farmaci in genere utilizzati possono solo ridurre il disturbo, provocando però numerosi effetti collaterali.

Esistono diverse teorie che collegano il dolore cronico a uno stile di vita e, soprattutto, a scelte alimentari sbagliate. Molte persone, ad esempio, riferiscono di avvertire maggior dolore e rigidità muscolare quando consumano determinati cibi.

Si ritiene infatti che alcuni tipi di alimenti provochino il rilascio di neurotrasmettitori che possono peggiorare la sensibilità al dolore. Ecco allora quali cibi è meglio evitare per ridurre lo stato di dolore cronico e migliorare la qualità di vita.

1 Zucchero e dolcificanti artificiali

Alti livelli di insulina possono peggiorare il dolore e l’infiammazione. Per questo, sarebbe meglio limitare lo zucchero raffinato e i dolcificanti artificiali. Meglio sostituirli con dolcificanti naturali e frutta fresca, evitando i succhi confezionati.

Anche se i dolcificanti artificiali come l’aspartame e il sorbitolo sono senza zucchero, contengono altri composti che possono alterare la vostra sensibilità al dolore. L’aspartame, inoltre, abbiamo visto più volte, non è un prodotto sicuro.

2 Caffeina

Il dolore cronico è spesso legato alla mancanza di sonno e alla stanchezza. Chi si sente stanco tende ad aumentare le dosi di caffè bevute durante la giornata. Nel lungo periodo, la caffeina può permanere nell’organismo, causando problemi di sonno durante la notte.

3 Verdure che contengono alcaloidi

I vegetali sono in genere un ottimo alimento per la salute. Se si soffre di dolori cronici, però, bisogna prestare attenzione ad alcuni alimenti come ad esempio quelli che contengono un particolare gruppo di sostanze chiamate alcaloidi. Si pensa, infatti che queste sostanze possano influenzare la funzione nervosa e muscolare, soprattutto in soggetti sensibili. Da evitare in particolare la Belladonna e i pomodori.

4 Glutine

Molti pazienti che soffrono di dolori cronici sono più inclini a essere sensibili a glutine. Si ritiene che un eccessivo consumo di prodotti contenenti questa sostanza possa provocare una eccessiva infiammazione e acidificazione dell’organismo. A questo link trovate i 12 segni che possono indicare un’intolleranza al glutine

5 Prodotti lattiero-caseari

I prodotti lattiero-caseari e altri prodotti animali possono contribuire ad aumentare l’infiammazione del tessuto presente intorno alle articolazioni, peggiorando il dolore, questo anche a causa dei residui di antibiotici e di altre sostanze somministrate agli animali all’interno degli allevamenti.

6 Carboidrati

I carboidrati, proprio come gli zuccheri, aumentano i livelli di insulina nel corpo, peggiorando le condizioni di infiammazione e dolore cronico dell’organismo. Meglio preferire una dieta a base vegetale, con un basso contenuto di zucchero e alimenti che contengono carboidrati complessi, a più lento rilascio.

7 Alcol e tabacco

Alcol e tabacco possono portare a diversi tipi di disturbi, tra cui alcuni che interessano le articolazioni. I fumatori incorrono in un rischio maggiore di sviluppare malattie come l’artrite reumatoide, mentre le persone che abusano di alcolici hanno un rischio più elevato di sviluppare la gotta.

8 Oli vegetali trasformati

La maggior parte degli oli vegetali come la colza e l’olio di mais contengono un quantitativo elevato di acidi grassi omega-6. Gli omega6 sono importanti per il nostro organismo, è vero, ma un eccesso può innescare processi infiammatori. Meglio optare per oli ricchi di omega-3, come gli oli di semi e di noci.

9 Fast food

Naturalmente, è d’obbligo stare lontano da cibi trasformati o fast food. Spesso questi alimenti contengono dosi elevate di zuccheri, dolcificanti artificiali, sodio, additivi e altri composti nocivi.

Se si soffrite di dolore cronico, cercate di eliminare questi alimenti per un paio di settimane e vedere cosa succede. Contemporaneamente, aumentate il consumo di frutta fresca, verdura e grassi sani per ridurre l’infiammazione e il dolore. A questo link trovate un elenco di cibi utili per ridurre le infiammazioni presenti nel nostro corpo. E ricordate, anche la meditazione può giocare un ruolo importante nel migliorare la vostra vota e ridurre il dolore.

 

Dr. Bruno Maria Camerani
Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*