I piedi sono il punto di contatto tra corpo e terreno, dal passo si evince il nostro modo di affrontare vita, la parte anteriore del piede è legata ad un carattere attivo e deciso, una camminata che preme sull’avampiede indica forte determinazione e voglia di raggiungere i propri obiettivi.L’arco plantare, la parte centrale del piede, è il ponte fra le nostre basi, le nostre certezze (i talloni) e le nostre scelte, la direzione che andremo a prendere. Il tallone indica le radici della nostra vita, la base su cui fondiamo la nostra vita e dalla quale siamo restii a muoverci. Il piede cavo è caratterizzato da una impronta che quasi non lascia alcun segno dell’arco plantare, questo è tipico delle persone insicure, che quasi si ripiegano su se stesse in posizione fetale cercando protezione;Piedi piatti sono caratterizzati dall’indebolimento dell’arco plantare. Spesso sono la conseguenza fisica di una situaziione emotiva di abbandono o di solitudine. Se nella vita ci vengono a mancare appoggio, sostegno e sicurezza da parte dei nostri cari, il corpo reagisce in questa maniera. Spesso chi ha perso un genitore o un grande affetto svuluppa i piedi piatti.Claudia Rainville

Dr. Bruno Maria Camerani
Specialista in Osteopatia, si occupa di aiutare il paziente ad intraprendere un percorso di consapevolezza volto a ripristinare un nuovo equilibrio grazie a tecniche osteopatiche strutturali, viscerali, cranio-sacrali, fasciali, di energia muscolare, somato-emozionali e biodinamiche volte a stimolare nel corpo del paziente il meccanismo di autoguarigione e ad aiutare la persona a comprendere la causa del suo sintomo. Attualmente svolge la sua attività in libera professione presso il suo studio privato di Roma, Frascati e Ciampino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*