Sciogli Istantaneamente l’Emicrania con il Sale Rosa dell’Himalaya

Sciogli Istantaneamente l’Emicrania con il Sale Rosa dell’Himalaya

Questo rimedio è davvero efficace nel far scomparire il dolore di un emicrania che può impedirti di svolgere la tua routine quotidiana. Spesso gli antidolorifici non funzionano oppure non vogliamo prenderli per non ingerire sostanze chimiche con effetti collaterali dannosi. Allora questo medicamento naturale fa per te e la chiave è nel sale rosa dell’Himalaya.

E’ il sale più puro del Pianeta, formatosi nel corso dei millenni e protetto dalla roccia, viene estratto alle pendici dell’Himalaya. L’unico che unisce al cloruro di sodio altri 84 oligoelementi, tutti quelli di cui abbiamo bisogno, nelle giuste proporzioni. Ancora più importante, il sale rosa non è raffinato, cioè non è trattato chimicamente in alcun modo: viene estratto, selezionato, lavato in soluzione satura per togliere polvere ed eventuali residui, macinato e impacchettato. Non hanessuna aggiunta di antiagglomeranti o altri componenti chimici.

Il sale dell’Himalaya è il più completo al mondo grazie alle sua straordinaria composizione per cui contiene 84 minerali, elementi ed elettroliti, è affascinante considerando che oggi sono 118 gli elementi conosciuti dalla scienza.

Io uso pochissimo, davvero poco, solo una spolverata a pranzo (la sera il sale non fa dormire) e questo poco è sale rosa dell’Himalaya. Se ancora usi il sale bianco del supermercato, ti consiglio davvero di comprarlo non solo per risolvere l’emicrania ma anche per un condimento più sano e con tante proprietà.

Consumato nel modo giusto sarà in grado di sciogliere anche leemicranie più forti, e permette di rinforzare il sistema immunitario, aumentare i livelli di energia, riequilibrare i livelli di serotoninanel sangue, ripristinare un ph alcalino e un equilibrio elettrolitico nel nostro corpo, e molto altro ancora.

L’acidità del corpo, uno squilibrio dei minerali e la mancanza di serotonina, l’ormone del buon umore, tutti fenomeni riconducibili ad una alimentazione errata estress mentale, sembrano essere le principali cause legate all’emicrania.

RICETTA VINCENTE PER SCIOGLIERE L’EMICRANIA

In un bicchiere metti:

Due cucchiaini di sale fino rosa dell’Himalaya;Il succo di un limone;La buccia del limone grattugiata (deve essere biologico o buccia edibile):Acqua fino a superare un pò la metà del bicchiere.

Bevi tutto in una volta. Dicono che l’emicrania scompare istantaneamente.

Ho utilizzato questo metodo diverse volte e ho avuto molto sollievo ,anche dei miei pazienti mi hanno confermato i benefici di questo rimedio dopo che gliel’ ho consigliato. Un ultimo consiglio, se mentre applichi questo metodo fai qualche respiro profondo di pancia con le mani una sul petto e una sull’addome e cerchi di rilassare il collo portando lì l’attenzione, funzionerà ancora più veloce.

Il latte (animale) non è un alimento adatto all’uomo…e come tutto ciò che non è adatto porta solo guai…

ANEMIA FERROPENICA.

Il Dr. Frank Oski (direttore del dipartimento di Pediatria della scuola di medicina dell’Universitá John Hopkins (USA) asserisce che nel suo paese tra il 15 e il 20% dei bambini minori di due anni soffrono anemia ferropenica e che la metà del resto delle anemie che si producono negli USA sono relazionate con il consumo di latte e suoi derivati a causa delle piccole emorragie gastrointestinali che il latte può provocare.

ARTRITE REUMATOIDE E OSTEOARTRITE.
Si é constatato che i complessi antigene-anticorpo generati dal latte si depositano a volte nelle articolazioni provocandone infiammazione e tumefazione. Studi realizzati nell’Universitá della Florida (USA) confermano che i sintomi si aggravano in pazienti, che consumano latte, con artrite reumatoide. In un articolo pubblicato nella rivista Scandinavian Journal of Rheumatology, si affermava che in persone affette da questa patologia quando smisero di ingerire latticini e bevvero solo acqua, té verde, frutta e succhi vegetali entro 7 e 10 giorni l’infiammazione e il dolore diminuirono significativamente: quando uno tornava a una dieta latto-ovo-vegetariana i sintomi riapparivano. Un gruppo di ricercatori israeliani dimostrò nel 1985 che il latte può indurre anche l’artrite reumatoide giovanile. Read more…

Come far passare il mal di testa in 30 secondi usando questa tecnica

La digitopressione è una tecnica conosciuta ed applicata soprattutto in Oriente per combattere numerosi problemi di salute. Si esegue effettuando un massaggio delicato in punti specifici del corpo individuati in base alla tipologia di malessere. La digitopressione è particolarmente utile contro il mal di testa

Il mal di testa è un problema che affligge una percentuale altissima di persone e che può manifestarsi in maniera più o meno intensa. Per lenire il dolore di un forte mal di testa si può ricorrere a questa tecnica di digitopressione. Read more…

Come sconfiggere la cefalea muscolo-tensiva con questi esercizi

La cefalea muscolo-tensiva sconfitta dagli esercizi

cefalea

La cefalea muscolo-tensiva è una delle più frequenti forme di mal di testa, che si può combattere e prevenire attraverso piccoli esercizi facili da eseguire, purché espletati più volte al giorno.

Molti soggetti, infatti tendono a somatizzare le loro tensioni nelle spalle, assumendo per molto tempo posture che finiscono per danneggiare sia la colonna vertebrale, sia i muscoli, sia i tendini. Si tratta di applicare moduli posturali che possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, anche in ufficio. Sicuramente una terapia con meno effetti collaterali rispetto ai farmaci utilizzati con troppa facilità e che, spesso, finiscono per non essere più sufficienti.

C’è, infatti, una efficacissima arma contro il mal di testa: ricordarsi di fare, ogni 2-3 ore, più volte al giorno, alcuni semplici esercizi di rilassamento muscolare in grado di cancellare cefalea e dolori cervicali. Il trattamento messo a punto dal gruppo piemontese mira a correggere le cause muscolari del mal di testa, attraverso semplici esercizi di “scioglimento” e rilassamento dei muscoli di testa e collo.

Il progetto di ricerca è stato messo a punto dal professor Franco Mongini, responsabile del centro Cefalea e dolore facciale del dipartimento universitario di Fisiopatologia clinica presso le Molinette, i cui risultati sorprendenti sono appena stati pubblicati sulla rivista internazionale Plos One. A occuparsi fin dall’inizio del progetto insieme al professor Mongini c’è la dottoressa Chantal Milani.

“Agli impiegati del gruppo di studio – spiega Franco Mongini, responsabile della ricerca – è stato chiesto di eseguire una serie di esercizi posturali ogni due o tre ore e sono state posizionate sul luogo di lavoro delle piccole etichette rosse per ricordare loro di evitare una contrazione eccessiva dei muscoli della testa del collo durante l’espletamento della loro attività lavorativa. Il programma – aggiunge – includeva anche uno o due periodi di 10-15 minuti, durante i quali i soggetti eseguivano a casa, un esercizio di rilassamento applicando nel contempo degli impacchi caldi su guance, collo e spalle”.

Ecco gli esercizi utili per mettere al bando medicine pericolose:

1. Posizionarsi in piedi con le spalle aderenti ad una parete e muovere il capo avanti e indietro mimando un po’ il tipico movimento che ha reso famoso Totò;
2. Unire i piedi, mettere i talloni e le spalle aderenti alla parete e rilasciare in modo alternato le spalle in avanti e riportarle indietro alla parete trascinando insieme il capo;
3. Portare le mani dietro il collo unendole e poggiandoci su in contro-resistenza il collo stesso lasciando che la testa oscilli indietro e in alto.

[Fonte read:http://www.saluteme.it/scienza/2411-la-cefalea-muscolo-tensiva-esercizi.html]