Scoperta sensazionale: le persone potrebbero essere in grado di attrarre energia da altri esseri umani

Scoperta sensazionale: le persone potrebbero essere in grado di attrarre energia da altri esseri umani

Un gruppo di ricercatori biologici, nell’Università di Bielefeld, hanno fatto una scoperta eccezionale. Le piante sarebbero in grado di trarre fonte di energia alternativa da ulteriori piante. Di conseguenza la notizia potrebbe riguardare in futuro le persone. Infatti attraverso la bioenergia, si potranno fornire le prove per poter dimostrare che le persone sarebbero in grado di fare altrettanto.

I membri del team di ricerca del Professor Dr. Olaf Kruse, studiando l’alga verde Chlamydomonas Reinhardtii, si sono accorti che la piante avrebbero una fonte alternativa di energia scaturita da altre piante. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature.

Le persone hanno lo stesso comportamento delle piante, assorbono l’ambiente come spugne. Gli esseri umani hanno bisogno di acqua e luce per crescere proprio come le piante. Il Professor Kruse, studiando l’alga verde Chlamydomonas ha notato che di fronte ad una carenza di energia la pianta poteva assorbirne da un’altra.

L’alga secerne enzimi, i cosiddetti enzimi cellulosi, che vengono trasportati nelle cellule e trasformati in una fonte energetica; l’alga di conseguenza continuerà a crescere. Il Professore ha dichiarato che questa è la prima volta che un tale comportamento è stato confermato in un organismo vegetale. Kruse ha affermato che queste alghe possono digerire la cellulosa.

Gli scienziati stanno studiando se questo meccanismo può essere ritrovato anche in altri tipi di alga.
La psicologa e ricercatrice biologica Olivia Bader Lee ha dichiarato che quando gli studi arriveranno ad un livello più avanzato si potrà verificare se questa teoria potrà essere applicata sull’uomo. L’organismo umano è molto simile ad una pianta, trae energia necessaria per alimentare gli stati emotivi e questo può essenzialmente stimolare cellule o causare aumenti di cortisolo a seconda dello stato emotivo.

Bader Lee ha affermato che l’uomo potrebbe essere in grado di guarire altri esseri umani semplicemente attraverso il trasferimento di energia proprio come fanno le piante. Ecco perché stare con la natura è spesso edificante ed energizzante per tante persone.

Qui ci sono cinque consigli da utilizzare per prevenire scarichi di energia durante il rilascio di energia della gente:

1. Rimanere bilanciati a terra

se siete completamente a terra, si può facilmente liberare l’energia delle altre persone e le emozioni verso il basso con la vostra intenzione.

2. Rimanere rilassati

Se vi sentite a disagio intorno ad una certa persona o in un gruppo non bisogna andare in tensione per proteggere se stessi. Bisogna mantenere l’energia dell’altra persona e bloccarla nel vostro spazio. Bisogna rimanere rilassati in modo da respingere la negatività.

3. Possedere il proprio spazio personale

Ognuno di noi ha un’aurea energetica che circonda il nostro corpo. Se noi non possediamo questo spazio personale siamo vulnerabili dall’esterno.

4. Bisogna darsi una pulizia energetica

Il colore oro per esempio ha una vibrazione alta che è utile per spazzare via l’energia esterna. Immaginate un ugello d’acqua d’oro nella parte superiore della vostra testa. Immaginate di accenderlo e permettere all’energia d’orata di rinfrescare e pulire il vostro corpo.

5. Richiamare la propria energia

Quando abbiamo la nostra energia nel nostro spazio c’è meno spazio per l’energia esterna. Bisogna creare un’immagine di un sole d’oro ed immaginare che ci sia una calamita che attiri più energia possibile purificandola in energia d’orata. Energia da immaginare che possa scendere sul nostro corpo purificando la nuova energia

I 10 ladri della tua energia

PRENDITI 5 MINUTI DEL TUO TEMPO PER LEGGERE QUESTI PREZIOSI CONSIGLI DEL DALAI LAMA

I DIECI LADRI DELLA TUA ENERGIA

1- Lascia andare le persone che solo condividono lamentele, problemi, storie disastrose, paura e giudizio sugli altri. Se qualcuno cerca un cestino per buttare la sua immondizia, fa sì che non sia la tua mente.

2- Paga i tuoi debiti in tempo. Nel contempo fai pagare a chi ti deve o scegli di lasciarlo andare, se ormai non lo può fare.

3- Mantieni le tue promesse. Se non l’hai fatto, domandati perché fai fatica. Hai sempre il diritto di cambiare opinione, scusarti, compensare, rinegoziare e offrire un’alternativa ad una promessa non mantenuta; ma non
farlo diventare un’abitudine. Il modo più semplice di evitare di non fare una cosa che prometti di fare e dire NO subito.

4- Elimina nel possibile e delega i compiti che preferisci non fare e dedica il tuo tempo a fare quelli che ti piacciono.

5- Permettiti di riposare quando ti serve e dati il permesso di agire se hai un’occasione buona.

6- Butta, raccogli e organizza, niente ti prende più energia di uno spazio disordinato e pieno di cose del passato che ormai non ti servono più.

7- Dà priorità alla tua salute, senza il macchinario del tuo corpo lavorando al massimo, non puoi fare molto. Fai delle pause.

8- Affronta le situazioni tossiche che stai tollerando, da riscattare un amico o un famigliare, fino a tollerare azioni negative di un compagno o un gruppo; prendi l’azione necessaria.

9- Accetta. Non per rassegnazione, ma niente ti fa perdere più energia di litigare con una situazione che non puoi cambiare.

10-Perdona, lascia andare una situazione che è causa di dolore, puoi sempre scegliere di lasciare il dolore del ricordo.

VIBRAZIONI E FREQUENZE: L’ESSENZA DELLA VITA

L’Universo in cui viviamo è energia. Questa energia vibra e crea tutto ciò di cui siamo consapevoli ma anche quello di cui non siamo consapevoli. E’ elettricità, suono, onde radio e tutta quella branca di frequenze sconosciute che la scienza energetica sta cercando di esplorare. Questo significa che la frequenza a cui vibriamo attrarrà a noi tutto ciò che corrisponde a quella vibrazione e viceversa. Cosa stiamo attraendo, dunque, attraverso la vibrazione dei nostri pensieri e delle nostre emozioni? Read more…

Come creare uno scudo emotivo dalle energie negative

Avete mai avuto a che fare con persone negative? Sono esperienze piuttosto destabilizzanti, tali da risucchiarci via le energie e lasciarci in uno stato d’animo sfiduciato e demotivato. L’energia emotiva negativa è praticamente ovunque. La incontriamo ogni volta che troviamo qualcuno che si lamenta continuamente della vita, quando una persona cerca di manipolarci con lo scopo di dare priorità alle sue esigenze o quando qualcuno scarica su di noi la sua rabbia, frustrazione o risentimento.
Read more…

I centri emozionali energetici del corpo

 

Qualsiasi evento psichico si manifesta a livello corporeo attraverso tensioni muscolari e somatiche, in seguito alla costruzione di difese di fronte ad emozioni spiacevoli o incontrollate. Questa corrispondenza tra mente e corpo dà l’avvio alla formazione dei tratti caratteriali e e a vissuti emozionali che si esprimono nella forma, mobilità e rigidità del corpo.

La corazza emozionale

La vita non è perfetta e questo processo ideale spesso viene ostacolato o limitato dalle condizioni pratiche e sociali.
Il bambino ne ha ben presto prova: non può fare tutto quello che vuole, in ogni momento. Mille ostacoli e frustrazioni lo costringono ad adattarsi all’ambiente in cui vive. Questo processo è il motore principale del suo sviluppo, ma allo stesso tempo genera tensioni emotive e corporee.

Il problema nasce quando queste situazioni perdurano nel tempo. Per proteggersi l’essere umano si costruisce una armatura di difesa che l’aiuti a trovare e mantenere un equilibrio psichico.

Reich, (psichiatra austriaco allievo di Freud), rilevò l’identità funzionale tra i processi psichici e quelli somatici e scoprì la corazza caratteriale, ovvero quell’insieme di atteggiamenti sviluppati dall’individuo per bloccare le proprie emozioni e i propri desideri.
Come le emozioni, i traumi e i conflitti si accumulano e danno forma a quella che Reich chiama corazza caratteriale, così a livello del corpo tensioni, blocchi e contrazioni determinano la corazza muscolare. L’una è specchio dell’altra e interagiscono tra di loro.

Queste modalità difensive messe in atto per bloccare le emozioni e le sensazioni conflittuali come l’angoscia, la rabbia, l’eccitazione, sono costituite a livello fisico dalle rigidità corporee (la corazza muscolare) e a livello psicologico dagli atteggiamenti caratteriali e dalla mancanza di contatto emozionale.

Con il tempo, quella corazza si rivela un impedimento al raggiungimento della propria identità e di una vera creatività, perché lo stato cronico di contrazione muscolare aumenta l’indurimento del carattere, riducendo la comunicabilità, l’amore e la percezione del piacere di vivere. In sostanza, impedisce il libero scorrere dell’energia vitale.

Se le emozioni possono far manifestare disturbi psicosomatici, viceversa intervenire sul corpo può permettere di guarire la psiche e sciogliere le emozioni congelate.

I blocchi energetici

Si formano così modelli ricorrenti di tensioni e posture abituali, sostenute da blocchi muscolari cronici che, a loro volta, mantengono queste caratteristiche psichiche.
Questi blocchi impediscono all’energia, (che in termini psichici è una emozione), di circolare liberamente nel corpo, in modo da sentirsi in rapporto agli altri e a se stessi, e gettano le basi per i sentimenti di inibizione e inadeguatezza che tutti noi conosciamo.

Questi blocchi sono espressi efficacemente dalla figura riportata sotto:

Sono anelli di tensione orizzontali che limitano la consapevolezza corporea e le funzioni emotive associate alle relative parti del corpo. Nessun blocco è ovviamente totale e nessun blocco segue la direzione del muscolo: ognuno di questi segmenti ha caratteristiche specifiche pur esercitando un’influenza reciproca.

E’ molto interessante notare come questa corazza comprenda 7 segmenti tipici, che richiamano facilmente i 7 centri energetici, detti chakra, della medicina ayurvedica:

oculare

orale

cervicale

toracico

diaframmatico

addominale

pelvico

I blocchi energetici impediscono all’individuo di essere autoaffermativo, di autoregolarsi ed ostacolano l’espressione naturale dell’aggressività, intesa come una modalità per “entrare in contatto” piuttosto che come espressione della rabbia.

Il blocco oculare

Riduce la capacità di vedere la realtà globale e porta una tendenza al contatto parziale con una prevalenza di comportamenti di fuga e modalità di evitamento. Questi comportamenti di fuga spesso si sostanziano in una iperproduzione immaginativa e nella presenza di fantasticherie e in una competitività repressa, rimossa o compensata.

Dal punto di vista del comportamento spesso si accompagnano con uno sguardo circospetto, paura e timidezza nel confronto con gli altri, uno sguardo sfuggente o un senso di sfida reattivo. Prevalgano sentimenti di invidia, autosqualifica, squalifica o ipervalutazione degli altri.

Il blocco orale

Riduce la capacità di contatto con i bisogni degli altri e si accompagnano a scarsa autonomia e ricerca della dipendenza. A volte questa difficoltà rispetto al contatto può essere espressa con comportamenti di rifiuto o ansia nelle relazioni e con difficoltà a dire di si o no nelle circostanze opportune.

I muscoli del collo, del viso, della nuca sono tendenzialmente tesi e contratti. Dal punto di vista relazionale spesso possono essere presenti eccessi che vanno da una prodigalità sconsiderata ad una avarizia altrettanto immotivata e una ambivalenza molto forte tra un desiderio di potere e un senso di impotenza con stati di frustrazione che possono essere anche molto intensi.

Il blocco cervicale

Si colloca nell’area del collo ed è connesso a molti degli aspetti di rigidità mentale e psichica; comporta una grande tendenza ad ambivalenza tra rinuncia e sfida e si accompagna ad atteggiamenti molto doveristici e moralistici. Orgoglio e vanità vengono per lo più rimossi e compensati da una posizione modesta che si esprime però con critiche, rifiuto e testardaggine. Il giudizio dell’altro ricopre un ruolo importante e quindi c’è una forte tendenza a non mostrare difetti e mancanze con una riduzione della spontaneità nel rapporto. Spesso si accompagna ad un valutazione iperrazionale della realtà delle cose e con una sorta di distacco emotivo.

In genere riguarda anche le tensioni della parte alta delle spalle e soggettivamente è percepito come una grande costrizione alla libertà personale.

Il blocco toracico

E’ l’area in cui si realizza maggiormente il conflitto tra razionalità ed emotività e spesso questo conflitto è vissuto con una forte risonanza interiore che può essere sostenuta da un senso eccessivo di responsabilità. Un senso di insoddisfazione rispetto alla propria vita e una contrazione del ventaglio delle emozioni sperimentate dà uno spaccato del profonde denso di dolore che questo blocco porta con sé.

Il blocco diaframmatico

Ovviamente questo blocco è sempre parziale. Ricordo infatti che i blocchi muscolari reichiani non sono connessi alla struttura anatomica del muscolo ma alla funzione del movimento coinvolto. In questo caso, poiché il movimento base del diaframma è il respiro, risulta evidente che il blocco no riguarda ovviamente la funzione della respirazione ma una alterazione nel flusso naturale del respiro che comporta una scissione tra la parte alta e la parte bassa del corpo con una difficoltà a connettere ed integrare le emozioni viscerali con le emozione della regione del cuore.

Spesso si accompagna con una eccessiva tolleranza alla frustrazione e una altrettanto eccessiva difficoltà ad abbandonarsi al piacere, alla gioia, alla sessualità. Dal punto di vista emotivo si esprime con una vulnerabilità all’ansia.

Il blocco addominale e quello pelvico

E’ una tensione che comporta una difficoltà di abbandonarsi alle emozioni che vengono vissute come potenzialmente pericolose e si accompagna con una difficoltà a livello della sessualità e con contrazioni nella zona del bacino. Insieme al blocco pelvico realizza una difficoltà all’abbandono alle sensazioni autentiche della sessualità, vissute sempre con distanza o insicurezza.

Nessuno di questi blocchi descrive, ovviamente, la complessità della nostra realtà umana. Né delle esperienze che noi viviamo quotidianamente. Tutti però offrono degli spunti per comprendere che spesso, dietro alla nostra difficoltà al cambiamento sta qualcosa che non passa dalla mente, ma parte dal corpo e poi arriva alla mente.

Voi siete guaritori, ognuno di voi!

Ogni singolo essere umano ha in sé una serie di istruzioni che comanda il rilascio dell’ormone della morte (il termine ormone non significa che si tratta di qualcosa simile a ciò che la scienza chiama ormoni, ma era il vocabolo col significato più vicino -ndt-). Se così non fosse potreste vivere oltre 900 anni.
…All’interno della struttura del DNA e dei geni di ogni singola cellula del vostro corpo c’è un orologio che comanda il graduale rilascio dell’ormone della morte…
Perché questo? Sembra così triste! Una tragedia! Voi avete pianificato tutto ciò!
Era necessario che il ciclo delle vostre vite fosse corto in modo tale da creare il motore del Karma necessario ad aumentare la vibrazione di questo pianeta…

Voi avete aumentato le vibrazioni del pianeta aldilà di ogni previsione. Voi! Ed ora il sistema per cui l’ormone della morte era stato creato sta iniziando ad essere rimosso… il sistema che prevedeva corte vite sta cambiando!
Saranno necessari più doni ed energia spirituale su questo pianeta affinché questo vostro cambiamento possa avvenire e tutto sta arrivando…
… Anche voi avete la possibilità di scelta, non importa in che situazione della vostra vita ora vi troviate. Sono qui per dirvi che avete la scelta di abbandonare qualsiasi cosa sia inappropriata per il vostro contratto spirituale e per la vostra crescita; mi riferisco ad imprinting (limitazioni) poste nella vostra biologia, imprinting magnetici collocati per farvi avere determinate malattie allo scopo di imparare delle lezioni. Potete scegliere di rimuoverli, non sono più necessari.
Nella nuova energia vi è stato dato il permesso ed avete la scelta, di non usare più questo vecchio metodo.
Verbalizzate: “oh Dio attraverso l’intento io scelgo di spostarmi (cambiare -ndt- ) e mi do il permesso di lasciar andare questa malattia. Non è appropriata, essa mi allontana dall’essere ciò che sono venuto qui ad essere.” Scelta, questo ciò che significato Nuova Era. Voi siete guaritori, ognuno di voi!

…. Scoprirete cose riguardo al corpo umano, ma non riuscirete mai a vedere chiaramente l’imprint magnetico del vostro DNA, se ciò accadesse sarebbe come invitare un sacro disastro.
In un futuro potrete invece vedere l’ombra di questo imprinting, vedrete il vostro orologio interno ed identificherete il gene che “conta” senza però riuscire a capire come le cellule comunichino con quest’orologio; scoprirete come cambiare alcune delle vostre istruzioni magnetiche, dov’è l’ormone della morte e cosa lo rilascia.
Se lo sceglierete, questo che ciò che prossimamente potrete scoprire.
Parliamo ora della guarigione spirituale della biologia; guaritori, questo è il modo in cui funziona la guarigione spirituale e non è un mistero per nessuno di voi.
L’essere umano che vi chiede di guarire deve scegliere di essere guarito.
Ora voi direte: ” tutto questo è ovvio e ridicolo, ogni persona che viene da me intende venire da me ed ovviamente sceglie di essere guarita. ” E noi rispondiamo: ” oh no, non vogliono.”
… Molti di loro cercano semplicemente conforto, vogliono sentirsi meglio, vogliono che voi li mettiate a posto. VOI! Che scelta personale è mai questa? Essi non scelgono di guarire, scelgono di dare a voi la responsabilità di guarirli!
La scelta è un aspetto spirituale molto importante…
… Quindi chi viene da voi deve scegliere di dare il permesso per essere guarito.
Sarebbe anche un’ottima idea fare una piccola cerimonia in cui chiedere al vostro cliente di verbalizzare ad alta voce cosa vuole, il suo intento, … la sua biologia ascolta e sente cosa viene detto…. permesso per la guarigione, questo sì che è differente.
Questa è una scelta!

Ed ora qualcosa che può sembrare strano ma che è molto importante: non sono i guaritori a compiere la guarigione, essi danno il permesso al corpo del cliente di avere un temporaneo equilibrio… facilitano il processo di riequilibrio. È il cliente a fare il lavoro, il corpo umano si riequilibra naturalmente.
Sia tutti i facilitatori che gli attributi delle sostanze usate per guarire gli esseri umani facilitano il processo di bilanciamento. La biologia è meravigliosa e cerca equilibrio (bilanciamento).
… Avete ora la possibilità di riprogrammare il vostro DNA.
… Siete vicini a grosse scoperte sulla biologia… sono finiti i tempi delle corte incarnazioni, noi vogliamo che voi restiate e con un livello vibrazionale più elevato, pronti al cambiamento dimensionale.

Ed ora ancora alcune parole sulla guarigione, esamineremo sei sistemi di guarigione da voi conosciuti. Si tratta di metodi che agiscono dall’esterno (quindi non auto guarigione) attraverso l’aiuto di un altro essere umano o di sostanze.
Partiremo dalla più alta forma di energia ora vostra disposizione terminando con sistemi più vecchi o più tradizionali ed a più bassa vibrazione energetica. Sono tutti appropriati nelle specifiche situazioni.
Non scartate mai una tecnica di guarigione che può salvarvi la vita se non ne avete ancora disponibile una a vibrazione più elevata! Usate la scienza che vi è stata data in tutte le sue forme. E’ molto ridicolo vedere un essere illuminato gettare via il vecchio sebbene il nuovo sia ancora in fasce (non ancora pronto -ndt-). Siate pazienti!

Tecniche di guarigione

Guarigione energetica.
Si tratta di un metodo in cui non c’è contatto fisico tra l’operatore ed il cliente (viene anche chiamato Hands Off -ndt-). L’energia viene convogliata in modo tale da cooperare con il cliente. Le potenzialità di questo sistema sono molto levate, infatti se il cliente ha un elevato livello di vibrazione (o consapevolezza -ndt-) ed ha dato il permesso per la guarigione, allora saranno garantiti meravigliosi miracoli ed egli si ritroverà guarito senza che nessuno l’abbia toccato. Questo è il primo dei doni della Nuova Era!
Questa tecnica non funziona altrettanto bene con persone a basso livello vibrazionale ( o consapevolezza -ndt-) ed è questa la ragione per cui voi che usate questa tecnica, costatate che non è adatta a tutti. Coloro che comprendono il profondo significato di dare il permesso e di scegliere sono quelli che hanno i migliori risultati mentre gli altri possono anche non averne alcuno.
Cosa offrire quindi a tutte queste persone?

È il prossimo passo e si chiama Hands On (con imposizione delle mani -ndt-).
Hands On.
Questa tecnica richiede che l’operatore tocchi l’obiettivo della guarigione, (il ricevente -ndt-) quando il cliente è a un livello vibrazionale inferiore a quello dell’operatore.
Il contatto fisico crea una sorta di legame, anziché essere l’energia a farlo nel caso di due persone che vibrano allo stesso livello. Questa tecnica è un meraviglioso strumento che può superare le difficoltà di un salto di livello vibratorio tra i due.
Il cliente può definire le scelte (ciò che sceglie di ottenere dalla sessione -ndt- ) verbalizzandone il permesso ed il concetto verrà accettato ( dalla sua biologia -ndt- ).
Insieme possono ottenere una guarigione, questo succede quotidianamente. Hands On è un grande strumento di guarigione.

Medicine ricavate da essenze viventi.
Parliamo ora di sostanze e materiali usati per il processo di guarigione iniziando dalle sostanze viventi.
Abbiamo parlato di questo per anni e pensate che si tratti solo di coincidenza se alcune tra le maggiori malattie del vostro tempo, e mi riferisco a tubercolosi e poliomielite, sono state curate con queste?
C’è ancora forza vitale in queste sostanze che possono essere un meraviglioso facilitatore del processo di guarigione. La forza vitale è importante e, se la sua forma rimane intatta, conserva le informazioni; sia gli erboristi che coloro che usano l’aroma terapia lo sanno bene, infatti essi usano essenze viventi. Spostiamoci ora dall’altro lato ed esaminiamo la scienza convenzionale. Vi sono ricercatori che stanno verificando il cambiamento dei geni all’interno di un corpo iniettatovi speciali geni modificati, un po’ come se avessero dei soldati viventi, ma con caratteristiche diverse, che vanno a combattere la malattia alla sorgente.
Tutto questo è molto onorato!
Non gettatelo solo perché è stato scoperto da qualche essere secondo voi non particolarmente ” illuminato “. Lo spirito dona le potenzialità di scoperte all’intero pianeta ed esse avvengono dove c’è l’intento! Pensateci!
La fisica è consapevolezza (o coscienza -ndt-) e coloro che studiano la fisica quantistica lo sanno bene! Stanno scoprendo che la realtà di ciò che osservano cambia in funzione di ciò che stanno pensando in quel momento! Lo sapevate?
Cercate nuove medicine composte da essenze viventi e portate particolare attenzione a quelle ottenute da energie molto vecchie ricavate da sostanze appartenenti ad ere precedenti la vostra. Presto capirete ciò di cui sto parlando.

Magnetismo.
Il successivo in ordine decrescente è la guarigione con l’uso di campi magnetici. Anche questo metodo è molto onorato ed è meraviglioso; esso si rivolge alla componente magnetica dell’essere umano, alla parte magnetica del suo DNA ed è un sistema valido.
Vi abbiamo tuttavia detto che il corpo umano cerca equilibrio, bilanciamento ed a volte ha bisogno di un’agevolazione che lo aiuti in questo. Le persone esperte di magnetismo applicheranno dei magneti nelle parti del corpo più appropriate usando la loro intuizione e la sacralità del dono di questa nuova conoscenza.
Scriverete libri su questo canalizzati direttamente dal vostro Sé Superiore e messi a disposizione di tutti.
Ora ditemi: ha senso, una volta raggiunto il perfetto equilibrio, tenere ancora magneti in posizione? No! I magneti esterni, come le sostanze viventi, la terapia Hands On e il lavoro energetico sono metodi temporanei per bilanciare un individuo.
Quando un essere ha l’opportunità di bilanciarsi, per quale motivo dovrebbe continuare ad avere su di sé dispositivi magnetici o a dormirci sopra? Il corpo si auto bilancia e guarisce.
Continuare ad applicare questo stimolo esterno anche dopo il bilanciamento è come dire al proprio corpo: ” non penso che riuscirai a bilanciarti quindi continuerò a stimolarti per sempre.”
Siamo qui per dirvi che in effetti c’è un attuale pericolo biologico in questi metodi se usati costantemente ignorando la naturale capacità della biologia di bilanciarsi. Si, vi sentite meravigliosamente continuando ad usare dispositivi magnetici, ma si tratta di un trucco del corpo come con le droghe.
Bilanciate il vostro corpo e poi rimuove lo stimolatore per riusarlo quando nuovamente sentirete il bisogno di bilanciarvi. Non usatelo in continuazione, i magneti possono essere pericolosi; la serie di istruzioni contenute nel vostro DNA può modificarsi, molte possono venire cancellate e questo va molto aldilà di un bilanciamento; è pericoloso per la vostra salute, credetemi!

Sostanze chimiche.
La chimica è un metodo di guarigione a bassa energia. Anch’essa è onorata dallo spirito. La scienza della chimica all’interno del vostro corpo è valida e funzionerà per quelli di voi che ne hanno bisogno; inoltre non avete trovato ancora nulla ad un gradino superiore che possa sostituirla ed anche c’è chi necessita di guarigione ma non risponde a cose a un più alto livello vibrazionale. Per favore non pensate che, poiché è a basso livello, non sia per voi; se funziona e vi tiene vivi sul pianeta usatela, cercando comunque di passare ad altri sistemi appena appropriato.
Il problema della chimica sta nel fatto che il corpo è sintonizzato molto finemente e quando inserite al suo interno prodotti chimici per creare cambiamenti esso reagirà, ma voi non potete prevedere o controllare in che modo. A volte ci sono effetti collaterali o sbilanciamenti e questo è uno degli aspetti dei sistemi a bassa energia vibratoria.

Chirurgia invasiva.

 
Non vi sorprenderà il fatto che il metodo a più basso livello energetico sia la chirurgia invasiva. Sebbene sia il più basso, ancora rappresenta uno degli aspetti più raffinati della vostra scienza. Alcuni di voi, dopo aver provato tutti gli atri sistemi, vi ricorrono e funziona. Può essere perfettamente appropriato. Guaritori che fate lavoro energetico, vi piacerebbe vedere i vostri clienti vibrare con voi, capire cosa significhi dare al loro corpo scelte e permesso di guarire. Alcuni non lo faranno mai e la tecnica che avrà successo con loro a volte è la chirurgia invasiva. Se è l’unica cosa in grado di tenerli vivi sul pianeta, consideratela sacra come il lavoro energetico! Poi, durante la convalescenza, usate il vostro lavoro energetico per accelerare la ripresa.

Ogni cosa ha il suo posto e tutto è sacro e benedetto. La tolleranza è sempre necessaria. Potreste restare sorpresi nello scoprire le meditazioni o le preghiere che passano nella mente di chi lavora col bisturi. C’è molto di più di quanto gli occhi possono vedere… e possono lavorare insieme. Questa è la vostra nuova sfida!

Queste sono sei tecniche di guarigione, ma ce n’è ancora una, la più sacra di tutte: l’auto guarigione.
Vi sono alcuni in questa stanza che non sono nuovi a questo, che stanno iniziando a capire il concetto che vi è dietro, ma è difficile ed è per questo che servono facilitatori.
Quelli che riescono a guarire se stessi vibrano alto e sono coloro che hanno compreso che la consapevolezza può cambiare la fisica. Ci sono tre aspetti che dovete conoscere rispetto all’auto guarigione di primo è integrazione, il secondo è integrazione ed il terzo è integrazione.
Quanti di voi vengono in questa vita e si augurano di non avere una biologia (corpo), quanti raggiungono l’illuminazione ed ancora credono che sia dal collo in su!…
…Ogni vostra cellula è illuminata, affinché il vostro vibrante corpo possa funzionare deve vibrare tutto insieme, non solo quella parte che avete designato come centro dell’illuminazione.
…Dovete considerare ogni cellula del vostro corpo come parte dell’intera coscienza (consapevolezza). C’è un ” noi ” coinvolto in tutto questo.
Se vi schiacciate un dito del piede non dite ma il più: ” mi fa male il dito ” bensì ” noi sentiamo dolore!”
Iniziate a riconoscere la sacralità di questo “noi” ed inizierete a vibrare come se foste ” uno “. Non è solo una cellula a portare gli strumenti della consapevolezza… Quello che voi chiamate terzo occhio è semplicemente un importante portale del vostro corpo, il culmine della cooperazione del resto della vostra cellule, un punto focale.
C’è un flusso che porta dalle cellule del vostro dito del piede a quelle del gomito investendo ogni singola cellula che compone vostro corpo. Tutte sanno ciò che voi sapete! Perché? Perché sono tutte connesse con vostro orologio interno!
Cominciate a vedere il senso di tutto questo?
Fino a che il vostro corpo non vibrerà tutto insieme il vostro orologio interno non saprà cosa fare con l’ormone della morte! Ecco perché questo ” noi ” è così importante per l’auto guarigione.
Miei cari ne voi, ne noi abbiamo tempo per un’altra incarnazione, avete del lavoro da fare ora e noi vogliamo che restiate, quindi in amore vi diamo questo messaggio affinché possiate capire l’intero meccanismo e mantenervi vivi per servire il pianeta!

Per finire ricordate che la verbalizzazione è una parte importante di tutto il processo.
La vostra biologia, l’intelletto e il vostro aspetto spirituale si riuniscono quando voi parlate; parole che sia la vostra biologia che quella degli altri percepiscono come suoni. Ciò che dite è ciò che create!
… Verbalizzate e sempre come ” noi ” e non esprimete mai dubbi sulla vostra capacità di fare qualcosa; dicendolo gli date credibilità e le vostra cellule sentono!
Non c’è da meravigliarsi poi se non collaborano nella guarigione.
Ogni volta che andate da un facilitatore (guaritore) iniziate con una piccola cerimonia dicendo: “mio caro corpo mi rivolgo a te in totale appropriatezza e sacralità, noi siamo insieme in questa vita e insieme guariremo noi stessi e sceglieremo di andare avanti nel nostro contratto, ringiovaniremo insieme ed insieme avremo la forza di rallentare il rilascio dell’ormone della morte.”
…Le vostre cellule sono in attesa che voi capiate come cambiarle. Anche loro hanno udito tutto questo messaggio, la differenza è che devono attendere che la scintilla vitale della vostra anima faccia la scelta.

… Voi avete la scelta di essere in equilibrio, guarire ed in pace con il futuro… scelta…intento… e sua verbalizzazione